dioon
Genere Dioon
Famiglia Zamiaceae
Habitat Messico e America Centrale
Coltivazione Predilige le posizioni in pieno sole, con innaffiature regolari e frequenti (ogni 2-3 giorni). Gli esemplari giovani ricordano una felce, via via che la pianta matura assume invece l’aspetto di una piccola palma.
Curiosità Il nome Dioon in greco significa “doppio uovo” e si riferisce ad una caratteristica peculiare dei coni femminili di queste piante, che dono dotati ciascuno di due uova attaccate una vicina all’altra.

Le Dioon: caratteristiche salienti

Le piante del genere Dioon sono piuttosto rare. La maggior parte delle specie viene dagli altopiani del Messico e per questo sono resistenti sia al caldo che al freddo e alla siccità.Le lunghe foglie pennate ricordano quelle della felce ed hanno colore verde o verde-blu. Tendenzialmente restano di dimensioni piccole o medie: 2,3 metri in esemplari molto vecchi. Alcune specie, tuttavia, possono raggiungere dimensioni notevoli – anche di una decina di metri. Se coltivate in vaso, l’altezza resta inferiore rispetto al potenziale della specie.
Gli esemplari più vecchi e con il tronco più largo ricordano, all’aspetto, delle piccole palme.
Sono piante dioiche: esistono quindi esemplari maschio (portatori solo di fiori maschili) ed esemplari femmina.

Varietà e Tipologie

Se ne conoscono 14 specie:

  • Dioon angustifolium
  • D. argenteum
  • D. califanoi
  • D. caputoi
  • D. edule
  • D. holmgrenii
  • D. mejiae
  • D. merolae
  • D. purpusii
  • D. rzedowskii
  • D. sonorense
  • D. spinulosum
  • D. stevensonii
  • D. tomasellii

Consigli per la coltivazione

Riportiamo qui di seguito i consigli principali per una corretta coltivazione delle Dioon, ricordando però che alcune specie possono avere esigenze anche molto diverse e che conviene quindi controllare sempre le specifiche per la pianta acquistata.

  • Si richiede, tendenzialmente, un’esposizione in pieno sole. Alcune specie però potrebbero avere difficoltà a resistere ai raggi diretti e preferiscono posizioni parzialmente ombreggiate, anche con alti tassi di umidità.
  • Essendosi sviluppate sugli altopiani del Messico, con altitudini anche elevate, le Dioon resistono bene al freddo e sopportano anche brevi gelate. Meglio però che la temperatura non scenda mail al di sotto dei 4°C: si raccomanda perciò di porre le piante al riparo quando cominciano ad aversi 4/6°C.
  • Per quanto nascano in climi secchi, apprezzano innaffiature regolari ogni 2-3 giorni in primavera ed estate (o anche più frequenti se il clima è molto secco).
  • Non si tratta di una pianta particolarmente esigente. Può bastare concimare una volta sola all’inizio della stagione, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi che non sia troppo ricco in azoto.
  • Scegliete un terreno leggero e ben drenante, non particolarmente ricco.
  • La necessità di rinvaso cambia molto secondo la specie considerata.

La moltiplicazione delle Dioon avviene attraverso seme. Essendo una pianta dioica, il semplice appassionato che abbia in casa un solo esemplare non potrà perciò procedere in autonomia perché potrebbe ottenere, al massimo, dei semi sterili. Il momento giusto per la semina è la primavera.