Pachycereus – Scheda di Coltivazione

Pachycereus pringley

Pachycereus pringley, dal nostro shop online

Pachycereus pringley crestato

Pachycereus pringley crestato, dal nostro shop online

Genere Pachycereus
Famiglia Cactaceae
Habitat America centrale, fra il Nord del Messico e il Sud della California
Coltivazione Si tratta di una pianta di facile coltivazione: utilizzare un terreno standard per cactacee o un mix di torba e sabbia e innaffiare con parsimonia.
Curiosità È comunemente detto anche “cactus elefante” per le sue grosse dimensioni. Il nome deriva dal greco “pachys”, cioè grande. Possono raggiungere anche un secolo di vita.

I Pachycereus: caratteristiche salienti

Il genere Pachycereus comprende cactus colonnari che si distinguono per le loro grosse dimensioni e per la loro longevità. Certi esemplari possono raggiungere, infatti, anche un secolo di vita e fino a 20 metri di altezza.

Il fusto è colonnare, di colore scuro, con costolature verticali molto accentuate e un diametro che può raggiungere anche un metro. È molto ramificato.
Le spine crescono lungo le areole, sulle costolature, e sono di colore grigio.

I fiori sbocciano solo la notte e solo quando la pianta ha già raggiunto alcuni anni di vita (intorno ai 7-8). Sono bianchi e crescono lungo tutta l’altezza del fusto, sulle areole.
I frutti, a polpa rossa o bianca, sono commestibili e venivano utilizzati dai nativi americani.

Pachycereus pringley variegato

Pachycereus pringley variegato, dal nostro shop online

Varietà e Tipologie

Ecco le varietà del genere Pachycereus ad oggi riconosciute, incluse le forme mostruose e crestate. 

Pachycereus grandis
P. lepidanthus
P. pecten-aboriginum
P. pecten-aboriginum cristatus
P. pringlei
P. pringlei cristatus
P. schottii monstruosus
P. tepamo
P. weberi

Cercale nel nostro shop online nella sezione dedicata ai Pachycereus.

 

Consigli per la coltivazione

Si tratta di una cactacea semplice da coltivare e, come abbiamo già detto, molto longeva.

Ecco i nostri consigli per la coltivazione:

  • ESPOSIZIONE: Scegliere una posizione molto luminosa. Nei climi temperati si adattano anche al pieno sole.
  • TEMPERATURA: È una cactacea che mal sopporta il freddo: si consiglia di lasciarla sempre sopra i 7°C.
  • INNAFFIATURE: Innaffiare con regolarità ogni 3-4 giorni nel periodo estivo in primavera ed estate e sospendere del tutto in inverno.
  • TERRENO: Utilizzare un terreno standard per cactacee o un mix di torba e sabbia. L’importante, come sempre, è che il terreno utilizzato permetta un drenaggio ottimale per evitare i ristagni di acqua.
  • CONCIMAZIONE: Utilizzare un prodotto specifico per cactacee. È sufficiente concimare una volta al mese durante il periodo vegetativo.
  • RINVASO: Scegliere vasi ampi e profondi per sostenere la crescita della pianta. Rinvasare ogni 2-3 anni.
  • RIPRODUZIONE: Si utilizza in pratica solo la riproduzione per talea perché tramite semi la crescita dei germogli è troppo lenta. Per la talea si utilizzano i rami, avendo cura di fare asciugare bene la ferita prima di interrarli in un letto sabbioso.