Rabiea

Rabiea albipucta

Rabiea albipucta, dettaglio del fiore. Foto dall’archivio Wikimedia Commons

Rabiea comptonii bloemfontein

Rabiea comptonii bloemfontein, dal nostro shop online

Genere Rabiea
Famiglia Aizoaceae
Habitat Provincia del Capo, Sudafrica
Coltivazione È una pianta con poche pretese di coltivazione, come molte aizoacee. Amante dei climi caldi, resiste anche a temperature molto basse, prossime allo zero.
Curiosità Scoperta e classificata per la prima volta nel 1930 da Nicholas Edward Brown, deve il suo nome al reverendo W.A. Rabie, collezionista dell’epoca.

Rabiea: caratteristiche salienti

 

Il genere Rabiea comprende poche specie tutte originarie della provincia del capo, in Sudafrica.

È una succulenta di piccole dimensioni con foglie molto spesse, di forma triangolare, che crescono raccolte in rosette molto compatte. A seconda della specie possono presentare particolarità come margini seghettati o macchie di colore chiaro come pigmentazione.

I fusti sono molto corti, praticamente assenti soprattutto nelle piante giovani. La radice tende, con il tempo, a prendere una consistenza tuberosa.

I fiori sono gialli, margheriformi, con numerosi petali molto fini. Sono di medie dimensioni e molto vistosi. La loro particolarità è quella di sbocciare alla fine dell’inverno.

Rabiea albipucta

Rabiea albipucta, un esemplare dal nostro shop online

Varietà e Tipologie

Queste le varietà ad oggi riconosciute:

Rabiea albinota
R. albipuncta
R. carolinensis
R. cibdela
R. comptonii
R. difformis
R. jamesii
R. lesliei
R. tersa

Certatele nel nostro shop online, nella sezione dedicata alle Rabiea.

Consigli per la coltivazione

Ecco i nostri consigli per la coltivazione delle Rabiea:

  • ESPOSIZIONE: Scegliete una posizione in pieno sole.
  • TEMPERATURA: Amante dei climi caldi, resiste anche a temperature molto basse, prossime allo zero. In tal caso, però, fate attenzione a che il terreno sia ben secco.
  • INNAFFIATURE: Annaffiare regolarmente ogni 3-4 giorni in estate, diminuendo molto la frequenza delle bagnature durante l’inverno. Dato che la fioritura è a fine inverno, però, non sospendere mai del tutto la somministrazione di acqua.
  • TERRENO: Utilizzate un mix di sabbia e torba o un altro terreno piuttosto leggero. È importante, invece, che sia molto drenante.
  • CONCIMAZIONE: Come molte altre aizoacee ha necessità minime di concime. Concimare in primavera, una volta al mese, con un prodotto specifico per piante grasse utilizzando la metà delle dosi consigliate sulla confezione.
  • RINVASO: Non necessario, se non in casi eccezionali.
  • RIPRODUZIONE: Tramite seme o per divisione dei cespi. Si può provare anche per talea di foglia, ma attecchiscono con difficoltà.