Rebutia

Rebutia albiareolata

Rebutia albiareolata, un esemplare dal nostro shop online

Genere Rebutia
Famiglia Cactaceae
Habitat Bolivia, Perù e Argentina
Coltivazione Le Rebutia sono semplici da coltivare. Tuttavia, per avere una buona fioritura in estate, è bene fare una particolare attenzione alla vernalizzazione, tenendole in luogo fresco e riparato in inverno.
Curiosità Anche se sono state identificate come genere già a partire a fine del 1.800, la classificazione delle Rebutia dà adito ancora oggi ad accese discussioni, data la vicinanza ad altri generi di cactacee nane.

Le Rebutia: caratteristiche salienti

 

Il genere Rebutia comprende un vasto numero di piccoli cactus sferici o leggermente oblunghi (anche a seconda dell’età della pianta).

I fusti sono ricoperti da tubercoli disposti a spirale. Sulla sommità di ciascun tubercolo troviamo le areole, ricoperte di una lanugine biancastra, da cui spuntano spine generalmente di colore chiaro.

I fiori sono a forma di calice, di colori vivaci (rossi, gialli…) oppure bianco-rosati, relativamente grandi rispetto alle dimensioni della pianta. Crescono lungo tutto il fusto, partendo già dall’altezza di 2 cm, quando la pianta ha due-tre anni di età.

Rebutia flavistyla

Rebutia flavistyla, un esemplare dal nostro shop online

Varietà e Tipologie

La classificazione delle Rebutia non è universalmente accettata; alcuni, ad esempio, fanno confluire in questo genere anche le Mediolobivia o altri piccoli cactus sferici. Queste le varietà ad oggi riconosciute almeno secondo le classificazioni più comuni.

Cercatele nel nostro shop online nella sezione dedicata alle Rebutia.

Rebutia minuscola fiore bianco

Rebutia minuscola, un esemplare con fiore bianco

Rebutia albiareolata
R. albiflora
R. albipilosa
R. arenacea
R. atrovirens
R. aureiflora
R. aureispina
R. colorea
R. eighlamii var. gonzalesii forma cristata
R. flavistyla
R. fulviseta
R. (Cylindrorebutia) gonjianii
R. gracilispina
R. haagei (pygmaea)
R. haefneriana (pygmaea)
R. heliosa
R. heliosa “albinos”
R. heliosa var. cajasensis
R. heliosa var. condorensis
R. heliosa var. melanistic

R. heliosa var. melanistic (short spined form)
R. heliosa cristata
R. heliosa “polytomica”
R. krainziana
R. krainziana mostruosa
R. krainziana var. nuda cristata R. kupperiana
R. leucantha
R. muscula
R. pulvinosa
R. pygmaea
R. (mediolobivia) pygmaea var. diersiana
R. simoneana
R. steinmannii var. christinae
R. tarvitaensis

Consigli per la coltivazione

Le Rebutia sono semplici da coltivare. Tuttavia, per avere una buona fioritura in estate, è bene fare una particolare attenzione alla vernalizzazione, tenendole in luogo fresco e riparato in inverno.

Ecco i nostri consigli generali per la coltivazione:

  • ESPOSIZIONE: Scegliete una posizione in pieno sole ma evitate i raggi diretti nelle ore più calde per evitare antiestetiche scottature. Se tenute al chiuso, si raccomanda un ambiente asciutto e ben areato.
  • TEMPERATURA: Si consiglia in genere una temperatura di alcuni gradi sopra lo O°C , con una certa variabilità secondo la singola specie, infatti alcune se in posizione soleggiata e in terreno ben asciutto possono sopportare alcuni gradi al di sotto.
  • INNAFFIATURE: Annaffiare regolarmente ogni 4-5 giorni in estate, diminuendo via via la frequenza delle innaffiature fino a sospenderle totalmente durante l’inverno.
  • TERRENO: Utilizzate un terreno standard per cactacee. Deve essere un terreno non troppo ricco e molto ben drenante. Date le piccolissime dimensioni di questa pianta, fate attenzione a non interrarle troppo.
  • CONCIMAZIONE: Concimare in primavera, una volta al mese, con un prodotto specifico per cactacee utilizzando la metà delle dosi consigliate sulla confezione.
  • RINVASO: Si procede al rinvaso solo quando le radici o la pianta non hanno più spazio e battono contro le pareti del vaso. Non sono necessari tutti gli anni, dato che la pianta mantiene dimensioni molto piccole e non cresce molto velocemente.
  • RIPRODUZIONE: Si riproducono tramite seme mentre non è possibile ricorrere alle talee. Talvolta si possono utilizzare i polloni.