Weingartia

Weingartia neocumingii pulquinensis

Weingartia neocumingii pulquinensis, foto dagli archivi Wikimedia Commons

Weingartia pucarensis

Weingartia pucarensis, foto dagli archivi Wikimedia Commons

Genere Weingartia
Famiglia Cactaceae
Habitat Ande della Bolivia e dell’Argentina
Coltivazione Piuttosto delicate e non semplicissime da coltivare, chiedono una temperatura minima di 7-8 °C ed è quindi opportuno ripararle durante l’inverno. Le annaffiature devono essere rade, ed è meglio evitare l’esposizione al sole diretto nelle ore più calde della giornata.
Curiosità Le Weingartia hanno molte somiglianze con i generi Rebutia e Browningia, tanto che la classificazione di queste piante varia anche in modo consistente secondo lo studioso di riferimento.

Weingartia: caratteristiche salienti

 

Il genere Weingartia è composto da piccoli cactus sferici o leggermente oblunghi che crescono generalmente solitari.

I fusti possono raggiungere l’altezza di 20, massimo 30 cm. Hanno un colore verde acceso e sono ricoperti da tubercoli disposti a spirale. Le areole sono lanose, ricoperte di una lanugine bianca, e portano una serie di spine corte ma molto robuste, tendenziamente chiare.

I fiori sono numerosi, hanno forma di calice e spuntano dai tubercoli vicino alla sommità della pianta. Hanno colori vivaci che vanno dal rosso al giallo, passando per le varie tonalità di arancio.
Hanno frutti tondeggianti, di colore marrone.

Weingartia tiraquensis

Weingartia tiraquensis, foto dagli archivi Wikimedia Commons

 

Varietà e Tipologie

Come già detto, molti considerano la Weingartia come parte del genere Rebutia e molte incertezze ci sono anche sulla parentela con il genere Browningia. Queste, però, sono le varietà ad oggi riconosciute almeno secondo le classificazioni più comuni.
Vi invitiamo, come sempre, a cercarla nel nostro shop online, nella sezione dedicata alle Weingartia.

Weingartia cintiensis
W. lanata
W. neocumingii
W. pilcomayensis
W. pucarensis
W. pulquinensis
W. pulquinensis var. mairanensis
W. tiraquensis
W. trollii

Consigli per la coltivazione

Le Weingartia sono meno semplici da coltivare rispetto ad altre tipologie di cactacee. Ecco i nostri consigli generali::

  • ESPOSIZIONE: Scegliete una posizione in pieno sole ma evitate i raggi diretti nelle ore più calde per evitare antiestetiche scottature. Se tenute al chiuso, si raccomanda un ambiente asciutto e ben areato.
  • TEMPERATURA: Raccomandiamo di non lasciarle mai ad una temperatura inferiore ai 7-8°C. In casi eccezionali, con terreno molto secco, possono resistere anche fino ai 2°C ma assolutamente non a temperature sotto lo 0.
  • INNAFFIATURE: Le Weingartia temono in modo particolare l’umidità, più di altri cactus simili. Annaffiare regolarmente ogni 4-5 giorni in estate ma solo quando il terreno è ben secco. Sospendete totalmente le bagnature durante l’inverno.
  • TERRENO: Utilizzate un terreno standard per cactacee. Deve essere un terreno non troppo ricco e molto ben drenante. Date le piccolissime dimensioni di questa pianta, fate attenzione a non interrarle troppo.
  • CONCIMAZIONE: Concimare in primavera, una volta al mese, con un prodotto specifico per cactacee utilizzando la metà delle dosi consigliate sulla confezione.
  • RINVASO: Si procede al rinvaso solo ogni 2-3 anni, dato che la pianta non ha una crescita rapida
  • RIPRODUZIONE: Si riproducono tramite seme.