Adromischus marianae f. herrei cv. ‘Red Coral’

Genere:

Adromischus

Famiglia:

Crassulaceae

Habitat:

Adromischus marianae f. herrei cv. ‘Red Coral’, essendo una cultivar non esiste in natura. La specie Adromischus marianae f. herrei, da cui deriva, è originario del Sud Africa, nella zona di Little Namaqualand. Il suo habitat sono gli affioramenti rocciosi e le colline, dove cresce tra le rocce.

Sinonimi:

Non sono rgistrati sinonimi

Descrizione:

Adromischus marianae f. herrei cv. ‘Red Coral’ è una succulenta nana unica: i collezionisti la adorano per le sue incredibili foglie che sembrano sassolini scolpiti, raggruppati tutti insieme in una struttura quasi priva di stelo, alta circa 10 centimetri. Le foglie sembrano prugne secche e, nella cultivar Red Coral, sono colorate di viola intenso; con l’invecchiamento della pianta diventano cerose. Il colore rosso tende ad essere esaltato dall’esposizione alla luce solare diretta e intensa. I fiori non sono particolari come le foglie: sono verdi con una sfumatura rossa, molto piccoli (1,2 centimetri di lunghezza) e portati su un gambo allungato e succulento. Le radici, invece, sono tuberose, per massimizzare lo stoccaggio dell’acqua e poter sopravvivere a periodi di siccità.

Coltivazione:

Adromischus marianae f. herrei cv. ‘Red Coral’ è molto facile da coltivare e ababstanza resistente al freddo.
Ecco i nostri consigli per la coltivazione:
Scegli un punto luminoso per la tua pianta. Se la coltivi al chiuso, dovrai posizionarla vicino a una finestra soleggiata. La luce diretta del sole può far raggrinzire le foglie ma, allo stesso tempo, ne esalta il bel colore violaceo. Si consiglia di spostarlo in mezz’ombra quando si notano o primi segni di avvizzimento fino a quando non si riprende.
Scegli un luogo ben ventilato. Ad Adromischus in generale non piace l’aria stagnante.
Adromischus marianae f. herrei cv. ’Red Coral’, come tutti gli Adromischus, vive bene in ambienti caldi (la sua temperatura ideale è di 24°C). Tuttavia, sopporta temperature fino a 5 – 10°C. In inverno si consiglia di ripararla o di mettere il vaso al chiuso, soprattutto perché non può sopravvivere alle piogge invernali.
Le annaffiature dovrebbero essere regolari in estate (circa ogni due settimane) e scarse in inverno (una al mese). Se la coltivi indoor, dovrà essere annaffiata più frequentemente.
Scegli, come sempre per le piante grasse, un substrato ben drenante: ad esempio un impasto di torba e sabbia con l’aggiunta di poca ghiaia.
Il concime può essere limitato ad una volta all’anno, durante il periodo vegetativo e dopo eventuali rinvasi, diluendo la metà delle dosi di un prodotto specifico per piante grasse con annaffiature.
Il rinvaso non è necessario per aumentare le dimensioni della pianta (a meno che non si desideri che si sviluppi in larghezza) ma è utile per mantenerla in buona salute e per rallentarne l’invecchiamento. Una volta all’anno sarà più che sufficiente per il tuo Adromischus marianae f. herrei cv. ‘Red Coral’. Scegli vasi bassi e larghi: il nuovo vaso dovrebbe essere solo leggermente più largo del precedente.

Propagazione:

La propagazione viene solitamente effettuata per talea di foglia. Basta tagliare una foglia sana, lasciarla riposare un giorno in un ambiente caldo facendo asciugare la ferita e infine metterla in posizione verticale in un vaso con terriccio adatto. Si consiglia di prendere le talee prima che la pianta inizi ad invecchiare e a perdere le foglie. Gli Adromischus, infatti, iniziano ad appassire e a perdere le foglie nel giro di pochi anni, anche se sono perfettamente

Curiosità:

Il nome “Adromischus” significa letteralmente “bastone abbondante”: queste piante crescono infatti in cespi di foglie carnose raggruppate in rosette.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca