Albuca

albuca spiralis

Genere: Albuca
Famiglia: Asparagaceae (liliaceae, secondo precedenti classificazioni)
Habitat: Africa e Penisola arabica
Coltivazione: Scegliete un terreno molto drenante e innaffiate con parsimonia soprattutto in primavera ed estate, quando la pianta è in riposo vegetativo. A fine estate/autunno, con lo spuntare delle foglie, riprendere annaffiature regolari.
Curiosità: Ci sono due teorie sulle origini del nome Albuca: secondo alcuni, deriva dal latino albus cioè bianco, e viene dal colore dei fiori della prima specie descritta in questo genere. Altri fanno notare che Albucus è, sempre in latino, il nome di una pianta affine – l’Asfodelo.

Le Albuca: caratteristiche salienti

Le piante del genere Albuca sono piantine erbacee originarie di Africa e Arabia, alcune delle quali possono essere fatte rientrare fra le piante succulente per i bulbi da cui spuntano gli steli.

Sono piantine di piccole dimensioni (max. 10-15 cm.), con steli verdi, erbacei, che spuntano dal bulbo.
La loro caratteristica più particolare è la forma di questi steli, che terminano ciascuno con una foglia che tende ad arricciarsi e assumere così forme particolari. Non è facile, in effetti, distinguere la fine dello stelo e l’inizio della foglia, per cui sembra che sia lo stesso stelo che si arriccia.

Questo effetto è evidente in particolare nelle poche specie coltivate, soprattutto nell’Albuca spiralis.

I fiori sono piccoli, campanulati, con colori che variano dal bianco al giallo al verdastro. Sono molto graziosi anche se non appariscenti, e dotati di un profumo leggero e gradevole.

albuca-spiralis

Albuca spiralis

Albuca

Albuca humilis

Varietà e Tipologie

Il genere Albuca è costituito in totale da una cinquantina di specie circa. Fra queste, quelle coltivate sono:

  • Albuca namaquensis
  • A. spiralis

Consigli per la coltivazione

Le piante del genere Albuca vengono molto utilizzate per i giardini rocciosi, ai quali conferiscono un aspetto vivace e inconsueto. Ecco i nostri consigli di coltivazione:

  • ESPOSIZIONE: Scegliete una posizione in pieno sole, ma riparata dai raggi diretti nelle ore più calde della giornata.
  • TEMPERATURA: Resiste anche a brevi gelate, anche fino a -5°C. Questa caratteristica la rende molto adatta alla coltivazione outdoor in climi non molto rigidi.
  • INNAFFIATURE: Originaria dell’altro emisfero, è una specie dormiente in estate. Innaffiare con molta parsimonia in primavera ed estate e ricominciare con innaffiature regolari in autunno, con lo spuntare delle nuove foglie.
  • TERRENO: Il rischio di marciume del bulbo è molto alto e per questo, oltre a far attenzione a non eccedere con le innaffiature, è necessario scegliere un terreno molto drenante, ricco di inerti.
  • CONCIMAZIONE: Concimate una sola volta all’anno, appena all’inizio della primavera.
  • RINVASO: Una volta messi a dimora i bulbi non hanno, generalmente, necessità di rinvaso.
  • RIPRODUZIONE: I semi generalmente germinano dopo una settimana senza particolari difficoltà, se lasciati in un terriccio leggermente umido e in luogo caldo e moderatamente luminoso. Come metodo per la propagazione si può utilizzare anche la divisione dei cespi, che ha il vantaggio di dare piante già adulte.

Shop On Line

Visita lo shop on line.