Aloe aculeata

Genere:

Aloe

Famiglia:

Aloeaceae

Habitat:

L’aloe aculeata è originaria delle regioni di Highveld, valle del Limpopo e Mpumalanga in Sud Africa, ma è diffusa anche nello Zimbabwe meridionale e centrale e in Mozambico. Cresce su affioramenti rocciosi nelle praterie.

Sinonimi:

Non sono stati registrati sinonimi per questa specie.

Descrizione:

L’Aloe aculeata è una pianta erbacea, succulenta, senza stelo. Può diventare alta da 30 a 60 centimetri. Le foglie sono lunghe da 25 a 60 centimetri, il colore varia da verde a celeste-glauco, con molte spine brunastre scure su entrambi i lati (da qui il nome “aculeata”). Il margine delle foglie ha denti triangolari bruno-rossastri. L’infiorescenza è un racemo eretto, lineare, molto denso, con 2-4 ramificazioni. In realtà sembra un lungo orecchio, con fiori rossi e gialli. Di solito quelli gialli sono alla base dell’orecchio e quelli rossi sono sul resto. Il periodo di fioritura va da giugno ad agosto.

Coltivazione:

L’Aloe aculeata ha bisogno di un substrato drenante e di una posizione luminosa. È sensibile alle basse temperature, quindi in genere è meglio tenerlo al chiuso in inverno. Innaffiarlo abbondantemente nella stagione di crescita, ma attendere sempre che il terreno si asciughi completamente prima di ogni irrigazione. In inverno può essere completamente sospesa poiché la pianta smette di crescere o cresce molto lentamente. Prestare attenzione alle foglie durante l’irrigazione: le foglie bagnate possono facilmente marcire. L’Aloe aculeata cresce molto velocemente, quindi è necessario rinvasarla ogni anno.

Propagazione:

L’aloe aculeata non produce polloni, quindi la propagazione è possibile solo per seme.

Curiosità:

L’Aloe aculeata non ha alcun uso specifico, ma quasi tutte le piante del genere Aloe producono gel e lattice, ricchi di proprietà medicinali.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca