Aloe humilis x erinacea

Genere:

Aloe

Famiglia:

Aloaceae

Habitat:

L’Aloe humilis x Erinacea è un ibrido ottenuto dall’incrocio di A. erinacea e A. humilis: non esiste quindi in natura. Le due specie da cui si ottiene, A. humilis e A. erinacea, sono originarie dell’Africa meridionale. In particolare, l’Aloe humilis è endemica della provincia del Capo in Sudafrica; cresce su terreni argillosi, nell’ecoregione pianeggiante denominata “veld. A. erinacea, invece è originaria della Namibia dove la pianta cresce in zone molto aride, in terreni rocciosi e sabbiosi e può diffondersi fino a 1350 m di altitudine.

Sinonimi:

Non sono registrati sinonimi

Descrizione:

A. humilis x erinacea è una piccola pianta che non supera i 50 centimetri di altezza. È simile ad entrambe le specie da cui è ottenuta: è una rosetta di foglie fitte, spinose, appuntite, di colore verde chiaro pallido o verde scuro a seconda della pianta. Le spine sono in realtà aculei spessi, appuntiti, sempre di colore più pallido rispetto al resto della foglia e acuminati. Prestare attenzione durante la manipolazione della pianta!
L’infiorescenza è più grande dell’intera pianta e cresce alla sommità di uno stelo. I fiori sono tubolari di colore arancio chiaro-rosato, lunghi 4-5 centimetri.

Coltivazione:

Le aloe sono piante non particolarmente difficili da coltivare. Bisogna prestare attenzione principalmente al substrato, che deve essere ben drenato (composto cioè da almeno un terzo di sabbia o ciottoli) per evitare il marciume radicale. Prestare attenzione a non bagnare troppo le foglie durante l’irrigazione, potrebbero marcire.
Di seguito sono riportati i nostri consigli per la coltivazione dell’Aloe humilis x erinacea:
Metti la tua Aloe in un luogo luminoso, evitando la luce solare diretta durante le ore più calde delle giornate estive.
Mantienila a temperature superiori a 6° C. In inverno si consiglia di metterla al chiuso, anche per tenerla al riparo dalle piogge invernali che possono far marcire foglie e radici.
In primavera e in estate, annaffiare una o due volte ogni due settimane. In Inverno, invece, l’irrigazione può essere sospesa del tutto o effettuata solo una volta al mese. Aspettare sempre che il terreno si asciughi completamente prima di ogni annaffiatura.
Scegli un terreno ben drenante e allo stesso tempo ricco di sostanze nutritive. Un mix del 60% di torba e del 40% di inerti è una combinazione perfetta.
Il rinvaso non è così frequente, perché l’Aloe humilis x erinacea è una pianta a crescita relativamente lenta.
Non necessitano di concimazioni frequenti: basta diluire il concime con annaffiature una volta all’anno.

Propagazione:

Il modo più semplice per propagare l’Aloe humilis x erinacea, come con la maggior parte delle Aloe, è togliere i suoi numerosi offset prodotti in primavera e metterli a radicare in un substrato di sabbia. È possibile propagare anche tagliando le foglie con un coltello affilato; dopo qualche giorno la superficie del taglio si asciugherà e si formerà un callo. Mettere la talea in una miscela di sabbia, terra e pomice. Per aumentare la buona riuscita della propagazione si possono effettuare due o più talee contemporaneamente, sempre ad una temperatura intorno ai 20 °C.

Curiosità:

I prodotti a base di Aloe (e in particolare le varietà di Aloe Vera) stanno vivendo da alcuni anni un periodo di intenso sfruttamento commerciale, solo in parte giustificato dalle effettive proprietà vegetali.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca