Avonia quinaria ssp. quinaria

Genere:

Avonia

Famiglia:

Portulacaceae

Habitat:

L’Avonia quinaria subsp. quinaria è diffusa dal sud-est della Namibia al nord-est del Namaqualand, in Sud Africa. Il suo habitat sono gli ambienti di Nama Karoo e Succulent Karoo. Predilige la crescita nei pendii di quarzite. Questa specie non corre minacce di estinzione.

Sinonimi:

Anacampseros quinaria

Descrizione:

L’Avonia quinaria subsp. quinaria è una pianta perenne nana, composta da una zolla che funge da deposito di acqua e sostanze nutritive per sopravvivere alle dure condizioni del suo habitat, da cui si sviluppano numerosi fusti. I fusti sono molto sottili (2 mm di diametro), di colore verde chiaro, disposti casualmente come corti tentacoli (4-5 centimetri di lunghezza), ricoperti da squame biancastre che sono le stipole e nascondono le foglie, minuscole, verdi, globose. I fiori sono rosso rosato, con 5 petali, minuscoli.

Coltivazione:

I consigli per la coltivazione dell’Avonia quinaria subsp. quinaria sono più o meno uguali a quell per l’Avonia quinaria ssp.alstonii: in realtà sono entrambe sottospecie di Avonia quinaria. L’Avonia Quinaria Subsp. Quinaria ha bisogno di un punto luminoso, esposto alla luce solare diretta. Serve un substrato ben drenante per coltivarla. Si può usare una miscela di cactus come substrato o aggiungere perlite a un substrato normale. Il suo bulbo dovrebbe rimanere sempre coperto. Il rinvaso generalmente non è necessario, essendo una pianta nana. Questa pianta può sopravvivere fino a -5ºC, ma, in inverno, per evitare danni è meglio tenerla al chiuso. Si deve annaffiare l’Avonia quinaria subsp. quinaria due volte a settimana in estate, con poca acqua. Bisogna aspettare che il terreno sia completamente asciutto per annaffiare di nuovo. Sospendere le irrigazioni in inverno. L’Avonia quinaria subsp. quinaria può tollerare la siccità grazie alla sua grande radice che è un deposito d’acqua.

Propagazione:

La propagazione di Avonia quinaria subsp. quinaria è fatta dai semi. Si semina a una temperatura compresa tra 15 e 20 ºC e si mantengono umidi fino a quando non germinano.

Curiosità:

Il nome del genere Avonia deriva dal vocabolo latino “avus”, che significa “nonno”, in riferimento alle sue scaglie bianche.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca