Fockea

fockea
Genere Fockea
Famiglia Apocynaceae
Habitat Namibia e Sud Africa
Coltivazione La Fockea è una pianta robusta. Si raccomanda di non esporla al sole diretto nelle ore più calde della giornata, di annaffiare una volta ogni 5-6 giorni e di utilizzare vasi sufficientemente profondi.
Curiosità Alcuni esemplari di Fockea venivano usati, in passato, anche per l’alimentazione umana da parte delle popolazioni locali. In particolare, la Fockea edulis mantiene traccia di questo uso anche nel nome (edulis sta per “edibile” in latino). Tuttavia, non si trattava di un cibo facilmente accessibile: ha sempre richiesto quantomeno svariate ore di cottura per diventare digeribile.

La Fockea: caratteristiche salienti

Le piante del genere Fockea sono succulente caudiciformi originarie dell’Africa Meridionale. La caratteristica più evidente è il grande caudice che si trova alla base: un fusto legnoso rigonfio formato dall’unione di una fitta serie di radici proprio sopra il terreno, in grado di contenere una grande quantità d’acqua. Il colore è grigio-argentato e può assumere forme davvero particolari; come dimensioni, si va da un diametro di 30 cm a uno di 60 cm per una pianta adulta. In alcune specie (come nella f. Edulis) il caudice può essere mangiato, anche se richiede una lunga cottura lunga ed elaborata per liberare gli alcaloidi che sono presenti in essa.

Dal caudice di dipartono una serie di fusti rampicanti o striscianti, che generalmente hanno una crescita piuttosto rapida. I rami diventano molto lunghi e si attorcigliano ad ogni appiglio che incontrano sul loro cammino; si può approfittare dell’autunno per potarli e contenerne la crescita.
Le foglie sono verdi e oblunghe; cadono durante l’autunno e l’inverno per poi rispuntare l’estate.

I fiori sono piccoli e poco appariscenti: biancastri o giallastri se femminili, verde chiaro se maschile. Sono piante dioiche e pertanto ogni singola pianta potrà avere solo fiori di un genere preciso e per ottenere dei semi fertili occorre un processo di impollinazione dalla pianta maschile a quella femminile.

Varietà e Tipologie

Quello della Fockea è un genere che accoglie poche specie, appena 6. La più comune è la Fockea edulis, che è molto resistente. Questa qui di seguito è la lista completa:

Fockea angustifolia
F. capensis
F. comaru
F. edulis (detta anche f. cylindrica)
F. multiflora
F. sinuata

Nell’area del nostro shop online dedicata alla Fockea troverete vari esemplari in vendita.

Consigli per la coltivazione

La Fockea è una pianta robusta, facile da coltivare soprattutto se adulta.
Questi sono i nostri consigli per la coltivazione:

  • L’esposizione ideale è parzialmente riparata: può resistere in pieno sole se però i raggi non battono direttamente sulla pianta nelle ore più calda. In alternativa, si può sistemare la pianta a mezzo sole.
  • La temperatura minima che non si dovrebbe mai superare sono i 7°C. In generale, però, quella ideale è intorno ai 15°C – 20°C.
  • Annaffiare regolarmente da marzo a ottobre con una frequenza di una volta ogni 5-6 giorni circa. Il caudice, con la sua forma, può essere una buona spia per controllare che la pianta riceve sufficiente acqua perché in caso contrario tenderà a raggrinzire.
  • Il terriccio deve essere ben drenante, ma sufficientemente ricco: ad esempio si può utilizzare un misto di terreno per cactacee e torba.
  • Usare un concime ricco di potassio e con poco azoto, solo nel periodo vegetativo.
  • Scegliere un vaso piuttosto profondo per lasciare il giusto spazio al ricco apparato radicale della pianta.

La moltiplicazione avviene prevalentemente per semina dato che le talee di ramo attecchiscono difficilmente. Come già ricordato, per avere semi fertili occorrono sia una pianta femminile che una maschile.