Lenopetalum

lenopetalum

Genere: Lenopetalum
Famiglia: Crassulaceae
Habitat: Ibrido da vivaio: non esiste in natura.
Coltivazione: Esposizione luminosa, innaffiature regolari in estate e nessuna in inverno, terreno ben drenato.
Curiosità: Lenopetalum “Chocolate and strawberries” è un ibrido tra Lenophyllum e Graptopetalum. Si chiama “Chocolate and strawberries” per il colore insolito delle sue foglie, rosso-nerastre con sfumature aranciate, che ricordano un po’ il cioccolato e le fragole mescolate insieme.

caratteristiche salienti

Il Lenopetalum “Cioccolato e fragole” è una pianta minuscola, molto apprezzata dagli amanti delle succulente per la sua estrema rarità e per il potenziale altamente decorativo delle sue rosette, costituite da foglie succulente ovali, affollate e leggermente appuntite, tinte di rosso porpora nerastro, molto insolite e attraenti. Il genere Lenopetalum in realtà non esiste in natura: è un ibrido tra una specie di Lenophyllum e un altro genere, Graptopetalum. Entrambi i generi coinvolti nell’incrocio sono originari degli Stati Uniti meridionali e del Messico. Le piante di Lenopetalum sono costituite da un fascio di fusti succulenti e carnosi, di colore arancione-rossastro, molto scuri, e dotati di numerose foglie appuntite. Le foglie sono più nerastre dei fusti, anche se presentano comunque una sfumatura rosso porpora. I fiori, invece, sono molto abbondanti e affollati sulle infiorescenze, che sono grappoli chiamati, in botanica, racemi. I fiori singoli sono a forma di stella, con cinque petali di colore giallo brillante, che creano un bel contrasto con il nero rossastro delle foglie sottostanti. Anche i fiori appassiti assumono una sfumatura rosso scuro, a metà tra l’arancio, il marrone e il rosso. Essendo un ibrido, i fiori sono sterili e non producono semi fertili.

Lenopetalum ‘chocolate and strawberries’

Lenopetalum ‘chocolate and strawberries’

Lenopetalum ‘chocolate and strawberries’

Lenopetalum ‘chocolate and strawberries’

Varietà e Tipologie

Il Lenopetalum “Chocolate and Strawberries” è l’unica specie classificata nel genere ibrido Lenopetalum.

Consigli per la coltivazione

Essendo l’incrocio tra due generi resistenti, il Lenopetalum non è difficile da coltivare. Di seguito riportiamo i nostri consigli per la coltivazione:

L’esposizione deve essere molto luminosa, infatti è opportuno posizionare la pianta sotto la luce diretta del sole o, almeno, vicino a una finestra soleggiata, affinché riceva un po’ di luce diretta. I raggi solari esaltano le sfumature scure delle foglie.

Si consiglia di mantenere il Lenopetalum a temperature minime di circa 5/8°C; anche se in teoria, queste piante possono sopportare temperature inferiori, in inverno, si suggerisce di spostarle in casa.

Per quanto riguarda le annaffiature, è importante seguire le regole generali valide per le piante grasse: sospendere completamente le annaffiature in inverno e annaffiare regolarmente, come una o due volte a settimana, in estate, aspettando sempre che il terreno sia asciutto completamente prima di ogni irrigazione.

Il terreno deve essere leggero e ben drenato, ma più ricco di sostanze nutritive rispetto alle altre succulente: si consiglia di mescolare un terriccio standard per cactacee con torba.

Concimare durante la stagione di crescita una sola volta utilizzando un fertilizzante specifico per succulente, diluendolo a metà delle dosi riportate sull’etichetta.

La pianta ha un tasso di crescita medio, quindi è opportuno rinvasarla una volta all’anno nel periodo  primaverile.

Il Lenopetalum, come il Graptopetalum, può essere propagato per divisione dei grappoli di fusti o per talea. Le talee possono essere ottenute sia dai fusti che dalle foglie. Di solito, le talee di foglie mettono radici più facilmente delle talee di fusto. Inoltre, dividere gli steli l’uno dall’altro dalla base e ripiantare una parte separata con l’apparato radicale ben conservato è un altro modo possibile, forse il più semplice.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca