Melocactus

melocactus azureus

Melocactus azureus, un esemplare nel nostro shop online

Genere Melocactus
Famiglia Cactaceae
Habitat America centro-meridionale e isole caraibiche
Coltivazione In serra coltivare in terriccio standard per cactus in piena luce e al riparo dalle correnti d’aria. All’aperto in terreno moderatamente fertile, ghiaioso, ben drenato e in pieno sole.
Curiosità Possono vivere ad altezze molto differenti. Alcune specie crescono a livello del mare, altre ad oltre 3000 metri, sulle Ande.

I Melocactus: caratteristiche salienti

 

Il Melocactus è un genere di circa quaranta specie a crescita lenta che si può trovare nell’America centro-meridionale. A seconda della pianta, può vivere sia a livello del mare che sulle Ande peruviane. Il Melocactus stramineus per esempio cresce solo a livello del mare, mentre il M. schatzili prolifera in Colombia e Venezuela, fino a 2000 metri di altitudine.

La forma di questa cactacea è generalmente sferica, con coste laterali piuttosto marcate, spinose e sporgenti.

Quando la pianta è matura si forma un cefalio sulla corona che rappresenta la maggiore particolarità del genere: solitamente di colore rosso. È presente solo sulle piante adulte; inizialmente tondo, via via che cresce si fa colonnare. A livello estetico ricorda sembra quasi una pianta a parte, come se un piccolo cactus rosso spuntasse sulla sommità del cactus principale.

I fiori diurni e imbutiformi, spuntano sul cefalio in estate.

melocactus acispinosus

Melocactus acispinosus con cefalio molto evidente

melocactus sp.

Melocactus sp.

Varietà e Tipologie

Il Melocactus comprende circa una quarantina di specie. Tra le principali possiamo ricordare quelle elencate qui di seguito.

Vi ricordiamo di cercarle anche nel nostro shop online, nella sezione dedicata ai Melocactus.

Melocactus acispinosus
M. andinus
M. arcuatispinus
M. azureus
M. brodway
M. conoideus
M. diamantinus
M. ernestii
M. glauscences
M. grisoleoviris
M. matanzanus
M. neomontanus
M. oreas
M. schatzili
M. seabrasensis
M. stramineus
M. violaceus
M. zehntneri

Consigli per la coltivazione

Il Melocactus è considerato un genere di difficile coltivazione; per questo è poco diffuso nelle serre degli appassionati.
Ecco la scheda di coltivazione completa:

  • ESPOSIZIONE: In serra, coltivare in piena luce e al riparo dalle correnti d’aria. All’aperto, lasciare in pieno sole.
  • TEMPERATURA: Si raccomanda di non tenere il Melocactus sempre a temperature superiori a 10°C. Durante la stagione fredda è consigliato quindi ricoverarli in casa o in altro luogo adatto per la vernalizzazione, avendo cura che si tratti di ambienti poco umidi.
  • INNAFFIATURE: Durante la crescita, innaffiare con parsimonia solo quando il terreno è completamente secco e aiutarsi, invece, nebulizzando periodicamente la pianta. Sospendere del tutto durante il periodo invernale.
  • TERRENO: In serra coltivare in terriccio standard per cactus, al riparo dalle correnti d’aria. All’aperto in terreno moderatamente fertile e ghiaioso.
  • CONCIMAZIONE: va eseguita con un concime per cactacee a basso tenore di azoto e alto di potassio. Una volta ogni 15 giorni è sufficiente.
  • RINVASO: Il Melocactus è una pianta a crescita lenta e non ha perciò frequenti necessità di rinvaso.
  • RIPRODUZIONE: seminare a circa 20°, in primavera. Durante il primo inverno è consigliato innaffiare occasionalmente le piantine, riducendo sensibilmente le innaffiature una volta che avrà messo il cefalio.