Obregonia

Obregonia denegrii

Obregonia denegrii, dal nostro shop online

Obregonia denegrii con fiore

Obregonia denegrii con fiore

Genere Neoporteria
Famiglia Cactaceae
Habitat Messico Nord-Orientale, in una piccola area vicino Ciudad Victoria.
Coltivazione L’Obregonia denegrii non è facile da coltivare; il rischio più comune è che la pianta marcisca ed è necessario, quindi, fare molta attenzione al colore dei tubercoli: se le punte cominciano a scurire, va ridotta la quantità di acqua.
Curiosità È un genere formato da una sola specie, l’Obregonia denegrii. Pianta molto rara, è imparentata con Ariocarpus e Strombocactus tanto che a volte la si trova citata anche con i nomi di Ariocarpus denegrii o di Strombocactus denegrii.

Le Obregonia: caratteristiche salienti

Le Obregonie sono cactus molto rari, diffusi solo in una piccolissima area geografica intorno a Ciudad Victoria, nel Messico; di piccole dimensioni, cresce fra gli interstizi rocciosi in posizioni ombreggiate.

La particolarità che la rende unica e molto ricercata è data dalla particolare forma “a carciofo”, molto decorativa: è il risultato di un fusto che presenta grossi tubercoli triangolari, molto accentuati e in forma di rosetta, che ricordano – appunto – le foglie del carciofo (anche se si tratta di una conformazione del fusto e non certo di foglie, che nelle cactacee non sono presenti).

Il colore è verde scuro, le spine crescono da piccole areole situate all’apice di ogni tubercolo; il diametro raggiunge i 15 cm. Ha una grossa radice a fittone, per cui si consigliano vasi piuttosto profondi.

I fiori sono di solito bianchi o leggermente rosati, hanno petali lunghi e stretti e sbocciano sulla sommità della pianta, da un’area ricoperta di lanugine biancastra.

Obregonia denegrii

Obregonia denegrii, un altro esemplare dal nostro shop online

Varietà e Tipologie

È un genere formato da una sola specie, l’Obregonia denegrii. Pianta molto rara, è imparentata con Ariocarpus e Strombocactus tanto che a volte la si trova citata anche con i nomi di Ariocarpus denegrii o di Strombocactus denegrii.

Non solo: la presenza, al suo interno, di alcaloidi simili a quelle del genere Lophophora e i leggeri effetti psicotropi ad essi associati fanno sì che alcuni considerino l’Obregonia denegrii una tipologia di peyote.

Cercala nel nostro shop online nella sezione dedicata alle Obregonia.

Consigli per la coltivazione

L’Obregonia denegrii non è facile da coltivare. Il rischio più comune è che la pianta marcisca ed è necessario, quindi, fare molta attenzione al colore dei tubercoli: se le punte cominciano a scurire, va ridotta la quantità di acqua.

Ecco gli altri nostri consigli per la coltivazione:

  • ESPOSIZIONE: Scegliere una posizione riparata dal sole e ben arieggiata.
  • TEMPERATURA: Richiede un clima mediamente caldo ma resiste per brevi periodi anche a basse temperature, persino di alcuni gradi sotto lo zero purché il terreno sia molto secco.
  • INNAFFIATURE: Innaffiare abbondantemente in primavera ed estate ma ridurre progressivamente l’acqua con l’autunno e sospendere del tutto con l’arrivo dell’inverno.
  • TERRENO: Si possono utilizzare mix di sabbia, ghiaia e torba oppure scegliere durettamente un terreno standard per cactacee.
  • CONCIMAZIONE: Durante il periodo vegetativo, concimare una volta al mese con un prodotto specifico per cactacee.
  • RINVASO: Avendo crescita lenta e dimensioni modeste le necessità di rinvaso non sono frequenti. Avere cura di scegliere vasi piuttosto profondi per permettere alla radice a fittone di svilupparsi bene.
  • RIPRODUZIONE: L’Obregonia di propaga attraverso il seme.